Maschio acquisisce Unigreen

Grazie all’acquisizione societaria della ditta emiliana Unigreen, il gruppo Maschio Gaspardo entra con forza nei mercati di tutto il mondo anche nel settore del trattamento. L’ampia gamma di macchine spazia dalle piccole irroratrici portate a sollevatore per i trattamenti tra i filari o a pieno campo, fino alle grandi irroratrici trainate a barra orizzontale idraulica assistite da manica aria, con una serie di modelli e soluzioni che si adattano alle più svariate esigenze.

 

Le irroratrici verranno commercializzate sia con il brand Unigreen, nel caso della distribuzione in Italia, sia come Gaspardo, considerata la forza della rete commerciale e il servizio capillare che il gruppo Maschio Gaspardo ha saputo sviluppare negli anni. Filippo Tessaro, responsabile commerciale per il mercato italiano del brand Gaspardo,  ha sottolineato quanto questo passo fondamentale per la crescita dell’Azienda sia una diretta risposta alle esigenze dei suoi clienti, che da tempo chiedevano la qualità e il servizio Maschio Gaspardo anche per le macchine per il trattamento delle colture.“La notizia dell’acquisizione di Unigreen era trapelata sin dallo scorso novembre, durante l’edizione di EIMA”, afferma Tessaro, “e abbiamo ottenuto dai nostri clienti un riscontro molto positivo già in questi primi mesi, a conferma che, ancora una volta, la nostra Azienda ha fatto la scelta giusta, proseguendo nell’obiettivo di produrre una gamma di attrezzature sempre più completa”. Il responsabile tecnico di Unigreen Rinaldo Melloni ha indicato alcuni punti di forza dei prodotti, a partire dalla qualità che contraddistingue le macchine, ottenuta grazie a componenti di primissimo livello unitamente alla decennale esperienza maturata nei diversi mercati, e ad applicazioni che hanno fatto diventare queste attrezzature strumenti inseparabili per i coltivatori. “Nelle macchine da campo aperto abbiamo sviluppato delle soluzioni tecniche sulle barre che le rendono estremamente affidabili e garantiscono soprattutto un’eccezionale stabilità in lavoro”, spiega  Melloni. “L’applicazione della manica d’aria ottimizza l’efficacia del trattamento e su tutti i modelli è garantito il rispetto delle norme ambientali vigenti. Per quanto riguarda la gamma degli atomizzatori, siamo riusciti a distinguerci dalla concorrenza con forti personalizzazioni degli apparati erogatori.  In passato infatti, come del resto tutti i nostri concorrenti, utilizzavamo buone ventole derivate dal commercio o da applicazioni industriali (intendo le grandi ventole degli atomizzatori); oggi invece, forti dell’esperienza maturata in tutti questi anni, abbiamo messo a punto una soluzione che migliora le prestazioni e ottimizza il rendimento di questo importante componente grazie a precisi miglioramenti fluidodinamici, studiati in collaborazione con docenti universitari esperti del settore. In queste ultime fiere e per la stagione alle porte, abbiamo presentato un nuovo gruppo ventola con l’inversione del flusso d’aria che migliora la sicurezza dell’operatore e dell’ambiente. L’aspirazione non avviene più nella parte posteriore dove può riaspirare porzioni di miscela distribuita, ma nella parte anteriore della macchina dove c’è aria pulita, convogliando il getto d’aria e miscela di fitofarmaco verso la parte posteriore della macchina lontano dall’operatore”.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati