La Cina rinnova il parco-macchine

Il Ministero dell’Agricoltura cinese ha stanziato più di 2,8 miliardi di euro (pari a 22 miliardi di Yuan), a valere sul 2013, per agevolare il rinnovamento del parco macchine agricole. Lo rende noto l’Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola (Enama), che proprio in questi giorni è in missione in Cina per conto dell’Un-Escap (United Nations Economic and Social Commission for Asia and the Pacific), l’agenzia delle Nazioni Unite deputata alla promozione dello sviluppo economico dell’Asia e del Pacifico, con cui Enama sta mettendo a punto un sistema unificato di certificazione e di incentivazione finalizzato proprio all’ammodernamento del parco macchine nei Paesi dell’area.

Secondo quanto appreso dall’Ente nel corso dell’incontro svoltosi presso lo stesso ministero, incontro al quale hanno partecipato le principali organizzazioni del settore, esiste la concreta possibilità che nel corso dell’anno il “monte incentivi” venga accresciuto con ulteriori risorse. Le agevolazioni – precisa l’Enama – vengono erogate per l’acquisto di mezzi prodotti in Cina, che, nel caso di trattori e irroratrici, rispettino parametri legati alla sicurezza e alla riduzione dell’impatto ambientale. Al riguardo, l’Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola e le autorità cinesi stanno studiando la possibilità di prossime collaborazioni tecniche che potranno sviluppare importanti sinergie sugli aspetti tecnici delle certificazioni, con evidenti benefici per le industrie, specialmente per quelle che aderiscono alle iniziative di certificazione e che sviluppano joint venture nel Paese asiatico.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati