ECONOMIA

Verso la rivoluzione elettronica

Per essere al passo con i tempi e sopravvivere alle sfide che il futuro riserverà agli imprenditori agricoli, risulta fondamentale seguire la logica della riduzione dei costi e del risparmio di tempo. Benefici che i dispositivi e le macchine Isobus Kverneland possono garantire. Grazie all’utilizzo dell’elettronica e dei sistemi satellitari GPS.

di Laura Turrini

Quali sono le nuove tendenze nel comparto rurale e la direzione verso la quale l’agricoltura si sta orientando? Per rispondere a queste domande, e presentare a clienti, concessionari e giornalisti del settore agricolo i suoi nuovi prodotti e dispositivi, Kverneland Group Italia ha organizzato, nello stabilimento produttivo olandese di Nieuw-Vennep, l’iXperience day, una due giorni di sessioni teoriche, workshop di carattere pratico e dimostrazioni in campo, attraverso i quali si sono toccati con mano i progressi svolti dalla multinazionale nel settore dell’agricoltura di precisione, un comparto all’avanguardia che da sempre vede Kverneland come punto di riferimento. Non a caso lo slogan scelto dal Gruppo è proprio ‘Il futuro dell’agricoltura’. Nato nel 1879, Kverneland Group, a partire dalla metà degli anni 90, si amplia attraverso importanti acquisizioni di noti brand di attrezzature agricole; negli ultimi anni avviene un vero e proprio salto in avanti, tramite un’importante ristrutturazione degli stabilimenti, il rinnovo di tutta la gamma e il focus sull’elettronica. Oggi il Gruppo, che ha un fatturato di circa 500 milioni di euro e dà lavoro a 2.000 dipendenti, agisce tramite 25 filiali ed esporta in 70 Paesi nel mondo, conta 5 Business Area e 11 siti produttivi in 9 Stati e ogni entità produttiva è specializzata in un’area di prodotto con un centro di competenza per ricerca e sviluppo, Product Management e marketing localizzato.

Kverneland Group Mechatronics

Uno dei siti produttivi è proprio quello di Nieuw Vennep, fulcro della ricerca e dello sviluppo di Kverneland Group e centro di competenza Crop Care, il cui fatturato è passato dai 31,7 milioni di euro del 2010 ai 43,7 milioni di euro del 2012. Qui, su circa 15 ettari di superficie, vengono prodotti annualmente 3.500 spandiconcime a disco, 2.500 spandiconcime a pendolo e 1.000 botti per il diserbo portate e trainate, macchinari controllati e collaudati nella Test Hall per le botti da diserbo e nel centro di competenza e test per gli spandiconcime, moderno e unico sul mercato grazie al sistema di test in 3D e relativo pacchetto software in grado di esaminare in modo automatico innumerevoli tipi di concime in combinazione con i diversi modelli di macchine e di creare più varianti di tabelle di spandimento; solo per questo reparto l’investimento totale, nel 2012, è stato di circa 1 milione di euro. Il 4,5% del fatturato annuale viene invece investito in ricerca e sviluppo di prodotto e nuove tecnologie, sperimentate nello stabilimento interno della società sorella Mechatronics, che vanta 25 anni di esperienza nel settore dell’elettronica applicata in agricoltura e che negli anni 2000 ha inventato la tecnologia Isobus, grazie alla quale è oggi possibile lavorare utilizzando i 24 satelliti GPS posti in 6 piani dell’orbita terrestre e assicurare la comunicazione tra trattore e attrezzature agricole. In Mechatronics, 25 ingegneri specializzati sviluppano giornalmente nuovi software, e nel reparto produzione vengono costruite e assemblate le parti che andranno a comporre tutti i dispositivi elettronici necessari per ogni sede e fabbrica del Gruppo Kverneland. Per il settore ‘Customer care’ ci sono inoltre 4 persone che forniscono un supporto costante via e-mail o tramite l’online helpdesk ai clienti mentre, in caso di rotture, è stato predisposto un pool di ingegneri che si dedica alla diagnostica e alla riparazione.

IsoMatch Tellus e GeoControl

L’obiettivo perseguito da Mechatronics è quello di implementare la tecnologia Isobus con la Precision Farming e con i sistemi satellitari, per far sì che gli operatori abbiano un margine di errore sempre più ridotto; questo ha fatto sì che negli ultimi anni Kverneland abbia presentato al pubblico molteplici sistemi e dispositivi elettronici, che stanno via via cambiando il modo di fare agricoltura. Tra questi il terminale universale IsoMatch Tellus, intuitivo e multifunzionale, dotato di un doppio schermo touch screen da 12” a colori, di 4 porte USB per un facile scambio dati, della connessione Internet e di quella RS232, per ricezioni GPS o sensori. Questo dispositivo, che risulta compatibile non soltanto con le attrezzature Kverneland, ma anche con tutte le altre attrezzature di aziende concorrenti e ha vinto la medaglia d’argento al Sima 2011, funziona da lettore di file Pdf, da calcolatrice e da schermata collegata alla telecamera IsoMatch Eye, che può essere installata sul serbatoio frontale Kverneland Rau iXtra agevolando di molto la guida, e consente la gestione di due diverse attrezzature e l’utilizzo del software GeoControl. Quest’ultimo è una licenza che permette di controllare in automatico le sezioni On-Off nelle testate di campo, per evitare le sovrapposizioni e per la razionalizzazione di semente, prodotti per il diserbo e concimi. Predisposto per lavorare con dosi variabili (è l’unica licenza che lo permette), GeoControl regola automaticamente la quantità di prodotto da spandere in base agli input caricati e alle mappe e assicura risparmi che vanno dal 3 al 15%; è semplice da utilizzare, anche in condizioni impervie o durante la notte, e lo si può impiegare anche in guida manuale in combinazione con IsoMatch InLine, un ausilio alla linea retta di guida posizionabile sopra il cruscotto.

GeoSpread, GeoSeed e App

Del 2011 è la tecnologia GeoSpread, Isobus compatibile al 100%, utilizzante il segnale satellitare DGPS e applicabile agli spandiconcime modello RO-EDW e Exacta-TL, entrambi con regolazione a pesa in continuo. Con questo, che si è assicurato la medaglia d’argento all’Agritechnica di Hannover, si evitano totalmente le sovrapposizioni e le aree non trattate, specialmente in campi dal profilo irregolare o in presenza di ostacoli e viene garantito un simultaneo adattamento del dosaggio in relazione alla larghezza di lavoro. Le stesse prestazioni le garantisce il brevetto GeoSeed, una soluzione pensata appositamente per la semina di precisione, a file parallele o a diamante. Degne di nota anche l’applicazione Autoset App, che permette di rimanere continuamente aggiornati riguardo alle tabelle di spandimento del concime, scaricabili on line, e la nuova gamma di applicazioni gratuite per smartphone e tablet collegate a GeoControl: Spreading Chart, per monitorare lo spandimento del concime nei campi, Seeding Calculator, per ottenere una semina ottimale, e iM Calculator, per stimare direttamente la percentuale di risparmio sui costi applicando concimi, diserbo e semina con GeoControl.

Isobus System: il trend del futuro

Secondo le ultime stime del VDMA, l’associazione dei costruttori tedeschi di attrezzature agricole con il quale il Gruppo Kverneland collabora, l’Isobus System continua ad essere il trend più importante della rivoluzione elettronica in agricoltura: più del 50% dei trattori semoventi, infatti, sono già equipaggiati Isobus e se si parla della gamma alte potenze questa percentuale si avvicina al 100%. “Kverneland Group è il punto di riferimento per i costruttori di attrezzature (e non solo) nell’elettronica applicata ed è leader mondiale nella proposta di soluzioni Isobus 100% compatibili con sistemi satellitari”, ha commentato Sandro Battini, a capo della Direzione commerciale della divisione italiana di Kverneland Italia, presente all’evento olandese insieme all’Amministratore Delegato, Eleonora Benassi. “Non c’è nessun altro che abbia 60 modelli Isobus compatibili ad oggi commercializzati sul mercato, il 60% delle macchine implementato con Isobus e una tecnologia adattabile ai monitor di tutti i marchi concorrenti. Oggi l’80% delle macchine prodotte a Nieuw Vennep sono vendute dotate di sistemi elettronici, e questo fa pensare che la direzione che l’agricoltura sta prendendo sia ormai ben definita. Nel 2013, da gennaio a maggio, in Italia abbiamo venduto 25 impianti, contro i 12 dell’anno precedente, molti dei quali forniti di licenze, IsoMatch Tellus e GeoControl; 37 impianti, quindi, in 17 mesi, per una media ottimale di 2,2 impianti al mese. Possiamo inoltre affermare che le vendite dell’IsoMatch Tellus sono cresciute del 100% nel 2012 rispetto al 2011 e quest’anno si prevede cresceranno di un altro 50%, mentre le vendite delle licenze GeoControl sono aumentate del 115%; anche per questo, solo quest’anno, stiamo sviluppando 10 nuovi prodotti i’M Farming”.

 

i’M Farming – Io faccio agricoltura!

La mission legata a questo slogan è aiutare gli agricoltori a scegliere le giuste macchine in base alle proprie tasche ed esigenze.

Dal momento che risulta fondamentale riuscire a ottenere sempre e comunque un ritorno dell’investimento, che nell’ambito dell’utilizzo dell’elettronica si traduce in un risparmio di costi, da circa due anni Kverneland ha dato il via al concetto di marketing ‘i’M Farming’, sviluppato per coadiuvare i clienti nella scelta della macchina più opportuna per le proprie necessità e disponibilità economiche. Questo si basa sull’informare i clienti che l’uso della tecnologia Isobus permette di lavorare con macchine più intelligenti, efficienti e di facile utilizzo e, per farlo, si compone di 4 step:

– iM Ready : spiega al cliente che attrezzarsi con una macchina Isobus prepara al futuro e incoraggia a investire sempre maggiormente in precisione e accuratezza. È la traduzione di: “Con l’Isobus sono pronto, sono ‘Plug & Play’”.

– iM inControl : chiarisce come combinare le attrezzature Isobus al terminale universale IsoMatch Tellus collocato sul trattore, per avere il pieno controllo di tutte le operazioni visualizzandole comodamente su due schermate e trasferendole al pc dell’ufficio.

– iM Global : con questo passaggio si è pronti per l’utilizzo del GPS e del GeoControl con l’IsoMatch Tellus, per ottenere la massima precisione, nessuna sovrapposizione e, nel contempo, semplicità di utilizzo, aumento della resa e possibilità di lavoro notturno.

– iM Intelligent : permette, attraverso l’impiego dei nuovi software GeoSeed e GeoSpread, di avere una macchina con un ‘cervello intelligente’ e adattata al futuro, pronta ad assicurare il massimo ritorno degli investimenti.

GUARDA LE INTERVISTE

(a cura di Laura Turrini)

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati