Un anno da ricordare

Il marchio Fendt chiude un anno da record. Dopo il 2012, archiviato con 14.500 trattori venduti, le ultime stime del produttore tedesco (parte del Gruppo Agco) per l’anno in corso parlano di un ulteriore passo in avanti. Le vendite, infatti, dovrebbero superare le 18 mila unità. Lo ha rivelato nei giorni scorsi Peter-Josef Paffen, presidente del Comitato direttivo Agco Fendt e lo ha confermato a Fieragricola Post Johann Planatscher, General Manager Agco Italiana. Tecnologia d’avanguardia, efficienza e una rete di supporto capillare. Sono i punti chiave della filosofia Fendt, che nel 2013 ha incrementato gli investimenti in ricerca e sviluppo presso la Casa Madre, portando i fondi per l’innovazione oltre quota 60 milioni di euro. “Le strategie del Gruppo convergono sull’Europa dell’Est e in Nord America, mercati in cui è fondamentale la potenza e l’efficienza – spiega  Planatscher -. Per questo, stiamo iniziando a sviluppare tecnologie che permettano di aumentare la precisione, abbattere gli sprechi e garantire sempre la massima potenza on demand. Un esempio è l’ibrido elettrico termico, anche se si tratta ovviamente di un’evoluzione a lungo termine”.

Con il nuovo stabilimento di Marktoberdorf (inaugurato nel settembre 2012) a pieno regime, anche il mercato italiano sarà al centro dell’attenzione del marchio, nonostante il continuo calo delle vendite nel nostro Paese. “Quella italiana è una crisi strutturale, che nasce da un assetto agricolo molto vario. Molte piccole aziende non sono ancora pronte per affrontare le sfide di un’agricoltura professionale e competitiva – sottolinea Planatscher -. Per questo è difficile, allo stato attuale, pronosticare una ripresa in tempi brevi. Abbiamo tuttavia ottimi riscontri dai produttori vitivinicoli e di frutta, comparti in cui le aziende dovranno puntare anche sull’efficienza per restare competitivi”.

 

Proprio i trattori per vigneto e frutteto saranno al centro della presenza del marchio Fendt a Fieragricola 2014. Il produttore tedesco, in occasione della manifestazione del 5-9 febbraio 2014, mostrerà al pubblico i veicoli della gamma 200 Vario VFP, i suoi fiori all’occhiello nel campo degli specialistici. “La serie 200 riassume tutta l’esperienza di 80 anni del marchio – spiega Paolo Leonardi, Product Specialist Fendt -. Il cambio Vario permette di variare la velocità senza scatti ottenendo la massima trattività anche nelle pendenze più ripide e di scegliere la velocità ideale per ogni singola lavorazione. Così si garantisce maggiore sicurezza per gli operatori, oltre a un comfort di livello superiore”.

“È stato un lungo percorso di sviluppo, iniziato con la presentazione del primo Vario nel 1995 e proseguito senza sosta negli ultimi 15 anni – conclude Leonardi -. L’affidabilità è fondamentale per un marchio premium. Ad oggi sono in circolazione oltre 150 mila trattori con questo cambio, non a caso molti operatori lo considerano un vero e proprio compagno di lavoro”.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati