SCEGLIERE BENE

Un valido controllo dell’inerbimento

Le falciatrinciatrici ad assi verticali possono essere vantaggiosamente impiegate per controllare l’inerbimento del frutteto.

Lo sviluppo controllato dell’erba negli interfilari del frutteto è una tecnica molto efficace per arricchire il terreno di sostanza organica. Nel corso degli anni l’erba falciata/trinciata e il costante rinnovamento delle radici arricchiscono il terreno di sostanza organica e di elementi minerali, favorendo i processi biologici che agevolano l’assorbimento degli elementi nutritivi da parte dell’apparato radicale delle piante fruttifere. Nei terreni molto fertili, la presenza di erba è un valido strumento di contenimento dell’esuberanza vegetativa delle piante arboree. Aumenta, inoltre, la portanza del terreno consentendo il transito delle macchine anche dopo la pioggia, favorendo la tempestività della distribuzione di fitofarmaci e antiparassitari o delle operazioni di raccolta. Un altro importante aspetto positivo dell’inerbimento controllato è rappresentato dal contrasto all’erosione del terreno; infatti, le radici dell’erba trattengono il terreno dell’interfilare impedendo il dilavamento operato dalle piogge. Lo sviluppo controllato dell’erba negli interfilari del frutteto può essere eseguito con falciatrinciatrici a lame rotanti sull’asse verticale, caratterizzate da organi di lavoro formati da lame d’acciaio ben affilate (coltelli) imperniate ad un asse verticale, la cui rotazione è impressa dalla trasmissione mossa dalla pdp del trattore mediante l’albero cardano.

Alcuni prodotti da considerare

Il rasaerba VARY della Berti con larghezza di lavoro variabile è caratterizzato da un corpo centrale e da 2 dischi laterali montati su bracci orientabili idraulicamente. Il moto agli organi di lavoro è impartito dalla pdp di 540 giri/minuto del trattore mediante albero cardano che attiva una trasmissione composta di 3 scatole a ingranaggi che provvedono al movimento degli 8 coltelli snodati. La trasmissione del moto ai dischi avviene tramite cinghie trapezoidali ad alta resistenza. La larghezza di lavoro è variabile tramite due martinetti idraulici che spostano verso l’esterno i rotori laterali consentendo larghezze comprese tra 140/450 cm , permettendo così di lavorare in frutteti e vigneti con differenti sesti d’impianto. Ai rotori laterali è possibile applicare un tastatore di precisione per consentire l’impiego interceppo, mentre le 2 valvole di massima applicate ai martinetti idraulici offrono sicurezza in caso di urti accidentali. Le ruote anteriori e il rullo posteriore sono regolabili in altezza mentre i bracci che recano i rotori laterali hanno oscillazione verticale per adattarsi al profilo del terreno, mantenendo sempre costante l’altezza di lavoro. Tutti questi elementi, uniti all’intersecazione e alla contro rotazione dei 4 rotori, assicurano taglio e triturazione ottimali dell’erba in ogni condizione di lavoro. La falcia trinciatrice VARY offre anche la possibilità di accoppiamento frontale. Richiede l’accoppiamento portato con trattori di 40-80 CV (29-58 kW). È possibile, inoltre, installare un kit per il diserbo chimico con dispositivo di spruzzo localizzato sui filari.Inoltre il modello Vary è disponibile nella versione VARY/K, snodata centralmente, con regolazione variabile (0°/+15°) rispetto all’asse del terreno.

Il controllo dell’inerbimento può essere eseguito con l’innovativa falciapacciamatrice (brevettata) VSS 350 della Nobili (premiata come Novità Tecnica all’Eima 2012). È dotata di 7 rotori ad asse verticale con doppia lama che eseguono un taglio preciso e una distribuzione simmetrica dell’erba, che viene trinciata e lasciata in prossimità dei filari per svolgere un’azione pacciamante. Questa falciapacciamatrice è stata appositamente costruita per operare al meglio nei frutteti con il profilo della superficie del terreno dell’interfila a V, profilo dovuto a precise esigenze agronomiche per agevolare lo scolo delle acque al centro dell’interfila stessa. La configurazione a V della VSS 350 consente, infatti, di seguire con la massima fedeltà il profilo del terreno, assicurando uno sfalcio ottimale anche nella parte centrale dell’interfila. A sua volta, la possibilità di aprire e chiudere  la macchina, regolando con martinetti idraulici la larghezza di lavoro da 200 a 350 cm, permette l’adattamento alle diverse larghezze dei sesti d’impianto dei frutteti. La macchina durante il lavoro appoggia sul terreno grazie a 7 dischi e può essere dotata di ruotine pivottanti. Richiede l’accoppiamento portato a trattori con potenza motore di 40-80 CV (29-58 kW) e pdp di 540 giri/minuto.

La falcia trincia erba Apple CS della Seppi M. è idonea al taglio dell’erba in frutteti, vigneti e parchi; offre la possibilità di accoppiamento anteriore o posteriore al trattore grazie al castello reversibile di aggancio all’attacco a tre punti e al maschio scanalato passante. È caratterizzata da 4-6 lame rotanti sull’asse verticale con senso di rotazione reversibile per effettuare lo scarico dell’erba al centro dell’interfilare oppure a lato del filare. L’altezza di taglio può essere regolata a piacere grazie all’aggiustamento delle ruote anteriori e del rullo posteriore su cui la macchina appoggia al suolo durante il lavoro. Può essere adattata alla carreggiata del trattore e alla conformazione del terreno per una migliore efficacia di lavoro. Il carter di protezione che delimita la camera di falciatura e triturazione ha gli angoli smussati per facilitare le manovre a fine filare. Per agevolare il lavoro sottochioma, un cilindro idraulico alimentato dal circuito del trattore può spostare l’Apple CS verso destra oppure verso sinistra rispetto al punto centrale della carreggiata del trattore. Consente una velocità di lavoro di 6-9 km/h, richiede l’accoppiamento portato con trattori di 26-80 CV (19-60 kW) alla pdp di 540 giri/minuto ed ha larghezze di lavoro di 145-170-200-220 cm. Può essere dotata di cardano e  dispositivo di sicurezza a ruota libera, attacco frontale, moltiplicatore 1000 giri/minuto e di impianto per eseguire il diserbo chimico sul filare. Anche la falciatrincia erba a 4 lame rotanti sull’asse verticale Apple Vario della Seppi M. ha un profilo molto basso che consente di lavorare nell’impianto frutticolo senza danneggiare i frutti e la chioma degli alberi. È caratterizzata dalla larghezza di taglio variabile, particolarmente utile laddove la larghezza dei filari si modifica. La larghezza di lavoro, infatti, può variare di 50 cm nell’Apple Vario 135-185 oppure può variare di 60 cm nell’Apple Vario 170-230 grazie allo spostamento idraulico lineare agito da 2 attuatori idraulici alimentati dal circuito del trattore. Questa caratteristica è molto utile anche per facilitare l’entrata e l’uscita dai filari del cantiere di lavoro. Quando la macchina rimane “chiusa” nel suo ingombro minimo, le 4 lame rotanti si intersecano nell’area di lavoro assicurando un taglio uniforme e un’ottimale trinciatura a effetto mulching, caratteristiche che sono garantite anche nell’assetto di lavoro “variabile-aperto” grazie alle 4 ruote (regolabili in altezza) su cui appoggia al suolo durante il lavoro. In particolare, le due anteriori si spostano quando viene variata la larghezza della macchina, le 2 ruote posteriori possono essere sostituite da un rullo regolabile in altezza e dotato di paletta raschia rullo. L’Apple Vario è dotato, inoltre, di spostamento laterale idraulico del castello di attacco, per meglio adeguarsi alle più diverse situazioni di lavoro. Il castello di attacco al trattore è reversibile permettendo l’accoppiamento portato anteriore o posteriore con trattori di 50-90 CV (36-67 kW) alla pdp di 540 giri/minuto. Il trattore deve essere dotato di 2 distributori idraulici a doppio effetto. L’Apple Vario può essere equipaggiato con cardano a ruota libera e limitatore di coppia, attacco frontale, rullo posteriore, cilindro idraulico indipendente movimentatore delle ali esterne del carter di protezione (in tal caso è richiesto un terzo comando idraulico) e di impianto per il diserbo chimico del filare.

Articolo di Mario Cremona

 

GUARDA I FILMATI

Berti VARY:

Seppi M. Apple:

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati