Grande successo per il Gruppo Lovol Arbos

Per la prima volta Lovol Arbos Group S.p.A. ha partecipato a SIMA, il salone internazionale delle macchine agricole che si tiene con cadenza biennale a Parigi. E lo ha fatto in grande stile: dopo mesi passati a sviluppare ambiziosi progetti industriali, ARBOS ha potuto esibire, ancora una volta, la propria full-line “made in Italy”: attrezzature per la semina e la fertilizzazione del terreno MaterMacc, trattori specializzati Goldoni e trattori da campo aperto ARBOS assemblati nel rinnovato stabilimento di Carpi (MO).
La filosofia che guida ARBOS è infatti ben chiara: offrire prodotti in grado di soddisfare l’intero ciclo agronomico, dalla lavorazione del terreno alla raccolta.
Sullo stand parigino di ARBOS, i visitatori hanno potuto ammirare i prodotti rappresentativi della full-line. In particolare, per il marchio ARBOS, presenti a SIMA la gamma di trattori da campo aperto 5000 con il modello 5115, il 6200 e il 7260. Inoltre, sempre il livrea ARBOS, il trattore specializzato 4050F, lo sprayer MBS 1200 PRO e 450 UST ultima seminatrice nata per la semina diretta. Per Goldoni non poteva naturalmente mancare il nuovo Q110, accompagnato dall’isodiametrico E100. Infine, per MaterMacc, la seminatrice MS 8230, lo spandiconcime MMX ELEKTRO 3000 e MSD 2.0 COMBI per la lavorazione e la semina in combinata.
A Parigi, Lovol Arbos Group, è arrivata a testa alta. Nonostante la generalizzata contrazione del mercato, l’azienda ha infatti chiuso il 2016 con un giro di affari che ha superato gli 89milioni di Euro, cogliendo così un altro importante risultato. Solo nel 2016 sono stati investiti oltre 22milioni di Euro, di cui circa 17 in Ricerca e Sviluppo, il che ha contribuito alla messa a punto di nuove gamme e alla rivisitazione dei siti produttivi. Tali risultati, unitamente all’espansione commerciale in atto e all’inarrestabile processo di internazionalizzazione – è di questi giorni la notizia dell’apertura di una nuova filiale in Francia – pongono le basi per un futuro certamente interessante.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati