BANCO DI PROVA

Quattro buone ragioni

QUANTE POSSONO ESSERE LE RAGIONI PER ACQUISTARE UN MCCORMICK X7.670 VT-DRIVE POWER PLUS? MOLTE. MA GIÀ SOLO QUATTRO SAREBBERO PIÙ CHE SUFFICIENTI: LE GAMME DI VELOCITÀ DISPONIBILI PER LA TRASMISSIONE A VARIAZIONE CONTINUA ZF.

Un modo diverso di pensare e di immaginare un trattore con trasmissione a variazione continua. Ecco il primo pensiero che mi è venuto in mente davanti al McCormick X7.670 VT Drive Power Plus, modello di punta della gamma con trasmissione a variazione continua del costruttore italiano. Non per piaggeria ma, per indole, mi interessano le macchine intelligenti e ben concepite. Quelle macchine che sono realmente utili per l’agricoltore e lo aiutano a ottimizzare le proprie risorse in modo sistematico. Il McCormick X7.670 VT Drive è sicuramente uno di quei trattori che, dopo averlo visto da vicino, fa nascere in modo spontaneo quella frase che ronza nella testa e dice “perché non ci ho pensato prima?”. Tutto è molto solido, a partire dal telaio portante che, a quanto pare, oggi sembra non andare più di moda ma che, negli impieghi più gravosi, fa la vera differenza. Oppure nel motore BetaPower con SCR e senza DPF che è fra i più efficienti ed economici del mercato. O anche nella cabina a quattro montanti e piattaforma piana che permette di avere una visibilità elevata in ogni direzione e una libertà di movimento ai vertici del mercato. Senza parlare delle sospensioni anteriori indipendenti a controllo elettronico che sono in abbinata con la cabina sospesa elettroidraulicamente. Ma forse ci dimentichiamo l’aspetto più importante: il cambio a variazione continua a quattro gamme di velocità, costruito da ZF, che è un unicum sul mercato attuale dei trattori con trasmissione a variazione continua e che segna un nuovo modo di intendere questo tipo di macchine. Questa trasmissione, da sola, basterebbe a giustificare l’approccio verso questo trattore che, con i suoi 141 kW (195 CV) di potenza massima a 1.900 giri/min con PowerPlus, si colloca nella fascia di potenza particolarmente adatta per produzioni importanti con sistemi integrati di smart agriculture. Ed è proprio quello il target a cui si rivolge questo membro della larga famiglia McCormick X7. Una trasmissione intelligente ed evoluta con quattro gamme di velocità contro le usuali due dei competitors. Uso intelligente di coppia e potenza del motore in modo da fare l’ulteriore differenza. Senza rinunciare al comfort e alle necessità degli agricoltori contemporanei. Lo abbiamo visto sul campo insieme a Silvio Fissore, giovane agricoltore della provincia di Torino che, con il padre Giovanni, è stato pienamente conquistato da questo McCormick.

A cura di Costantino Radis

Leggi la prova sul numero di settembre di MACCHINE AGRICOLE

 

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Macchine Agricole © 2017 Tutti i diritti riservati