Pale gommate e insilato: una buona soluzione?

Pala gommata JCB in insilato
Le pale gommate, oltre le Alpi, recitano un ruolo da protagonista in agricoltura

La pale gommate fanno ormai parte del paesaggio agricolo di molti paesi europei.

In passato ne abbiamo parlato in questo articolo sottolineando la loro vocazione per la logistica delle moderne aziende agricole.

In questo periodo stanno terminando gli insilati, complice un meteo particolarmente capriccioso che ha ritardato molte lavorazioni nel nord ovest italiano.

Nelle mie visite presso molte grandi aziende agricole si sono visti all’opera, nella preparazione delle trincee, molti trattori e sollevatori telescopici ma nessuna pala gommata.

Alcuni amici/colleghi stranieri mi inviano di continuo immagini in cui, oltre le Alpi, le pale gommate recitano invece un ruolo importante nella campagna dell’insilato.

Nulla a che vedere con la supremazia recitata dai trattori, sia ben chiaro, ma una presenza diffusa che indica chiaramente un modo diverso di impostare il lavoro.

Da cosa dipende tutto questo? Come al solito si tratta di abitudini che derivano dalla capacità dei costruttori locali di aver saputo risolvere problemi operativi specifici.

La Germania è sicuramente il paese in cui le pale gommate sono maggiormente diffuse. Sia in agricoltura, sia nel mondo delle costruzioni.

Una diffusione agevolata ovviamente dalla presenza di molti costruttori ma, a seguire, da un Codice della Strada che favorisce l’impiego di queste macchine anche su strada.

Ma una soluzione tecnica, a prescindere dalle abitudini, si diffonde se è produttiva e se ha una effettiva validità in termini economici.

Le pale gommate hanno struttura, trasmissioni, predisposizione alla spinta e peso operativo ideali per la compattazione dell’insilato.

Dotate di pneumatici con impronta “agri” e di benne specifiche diventano estremamente produttive laddove la movimentazione di grande masse di insilato richieda stretti tempi operativi.

In Italia le pale gommate trovano spazio in alcuni impianti di biogas per le condizioni operative severe.

Un’applicazione al limite fra agricoltura e industria che vede le pale gommate fra le preferite degli addetti ai lavori.

Nelle classiche aziende agricole, invece, la loro diffusione è limitata dall’elevato costo di acquisto che scoraggia un investimento così specializzato. Con la cifra necessaria per una pala gommata media è infatti possibile acquistare un trattore di potenza medio alta.

Che ha, ovviamente, ben altra utilità nel ciclo produttivo aziendale.

Costantino Radis

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here