Dumper o rimorchio? Portata o maggiore sicurezza?

Rimorchio Crosetto a 4 assi
La Crosetto Rimorchi propone un rimorchio a 4 assi in linea con la Mother Regulation

Dumper o rimorchio? Il dilemma, soprattutto in periodo di trinciatura e raccolto, è sempre attuale.

La Mother Regulation premia in modo pesante i dumper con interasse fra le ruote superiore a 1.410 mm. Rispettando quella misura si passa dalle 8 alle 9 tonnellate per asse. Senza contare le 4 tonnellate su occhione che rimangono per entrambe le combinazioni.

Cosa che non succede per i rimorchi che, a prescindere dagli interassi, hanno sempre 8 tonnellate per asse e, ovviamente, nessuna ulteriore aggiunta di massa sull’occhione in quanto sono macchine con ralla.

Due modi completamente diversi di considerare macchine con uguale numero di assi che, alla luce delle portate, hanno prerogative completamente diverse.

La domanda “dumper o rimorchio?” assume quindi un valore che entra nel merito sia della produttività che della sicurezza. Soprattutto se parliamo di macchine con 4 assi che rappresentano, oggi, il top della produzione per entrambe le categorie.

Con i dumper a 4 assi omologati Mother Regulation è possibile arrivare fino a 40 tonnellate. Mentre con un rimorchio a 4 assi soggetto a identica normativa si arriva fino a 32 tonnellate.

Una discrepanza di 8 tonnellate non è cosa da poco. Quale potrebbe quindi essere la risposta al quesito “dumper o rimorchio?”. Sembra banale e scontato. Ma così non è.

Pur con una portata inferiore un rimorchio a 4 assi ottimizza alcuni aspetti fondamentali: peso operativo del trattore in rapporto alla portata, sicurezza su strada e, nonostante le dimensioni, la manovrabilità. Soprattutto nelle fasi di scarico, di piazzamento sotto le trinciatrici e in retromarcia.

Ragioni sufficienti per scegliere un rimorchio a 4 assi rispetto a un omologo dumper?

Dipende ovviamente dal tipo di impiego, dalle abitudini aziendali ma, di sicuro, la maggiore sicurezza di marcia è un elemento da non sottovalutare.

La Mother Regulation, e ne abbiamo parlato in questa occasione, ha elevato in modo importante le masse rimorchiabili in gioco. Con evidenti ripercussioni sulla sicurezza di tutti gli utenti della strada e con maggiore stress da parte sia dei trattori, sia dei conducenti.

Una tematica che ha sollevato molti interrogativi fra gli addetti ai lavori. Al di là, ovviamente, degli immediati vantaggi pratici della portata superiore.

Chi ragiona seguendo la logica della sicurezza si è posto ben più di una domanda. E per molti la risposta consiste proprio nel rimorchio a 4 assi.

Costantino Radis

 

 

2 COMMENTS

  1. Scusi sig. Radis ma.. sbaglio o l’omologazione del mezzo e il codice della strada dicono due cose ben diverse??? 400 quintali per un dumper 4 assi in italia si ma solo ed esclusivamente nei terreni di proprietà dell’azienda senza mettere mai ruota nemmeno su una stradina comunale in quanto in italia i rimorchi agricoli sulle pubbliche strade possono trasportare 200 quintali a pieno carico ed ad una velocità massima di 40 km orari o io non ho capito niente ed il codice della strada è cambiato???

    • Con la Mother Regulation oggi si arriva a 40 ton anche su strada. Tutto questo solo con trattori e con rimorchi omologati MR. La questione aperta è legata alla velocità massima. La MR permette 60 km/h. Attualmente il CdS limita ancora a 40 km/h. In realtà ci sono stati già dei casi di sanzionamento da parte della pubblica autorità. Queste sanzioni sono state impugnate dagli agricoltori che, in sede di giudizio, hanno ottenuto la vittoria trattandosi di una normativa europea estesa a tutti gli stati membri.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here