Concessionari e mercato: la competenza non si improvvisa

Porte Aperte Barale Cuneo
Concessionari e mercato: alcune strutture come il Gruppo Barale si collocano sul mercato in modo professionale e organizzato

La sempre maggiore complessità dell’agricoltura mette in primo piano il rapporto fra concessionari e mercato.

Una competenza a 360° che non si improvvisa e che deve tenere conto di ogni singola esigenza delle aziende agricole.

L’aspetto agronomico è sicuramente importante ma non è l’unico da tenere in considerazione. Fiscalità, burocrazia, gestione dei contributi e conoscenza delle norme che regolano l’agricoltura sono elementi altrettanto fondamentali.

Il venditore non è più semplicemente una persona che ti fornisce un prodotto ma diventa un consulente in grado di consigliare le migliori soluzioni possibili per ottimizzare la resa aziendale.

Ma tutto questo cosa comporta? Comporta che concessionari e mercato siano in piena sintonia. E comporta anche una competenza che non si improvvisa.

La competenza deriva sicuramente dall’esperienza ma, con la complessità attuale, si mantiene in continuo aggiornamento con la formazione.

La differenza fra concessionari che formano professionalmente i propri funzionari di vendita e quelli che, invece, non lo fanno, è oggi sempre più evidente.

Chi vede la professionalità come un elemento accessorio che va coltivato nel tempo libero sbaglia di grosso.

Se alla base ci deve sempre essere passione per il proprio lavoro e forte curiosità verso l’apprendimento, dall’altro lato è necessario che ci sia una formazione organizzata e periodica a livello aziendale.

Il binomio “concessionari e mercato” funziona se l’aggiornamento è continuo, programmato e articolato nel tempo. Funziona se c’è sempre la curiosità di scoprire nuove applicazioni e nuove soluzioni.

L’organizzazione imprenditoriale delle proprie attività è sempre vincente. Il prodotto da collocare sul mercato è solo l’ultimo tassello di un ragionamento che porta verso una soluzione tecnica vantaggiosa per l’azienda agricola e la sua produzione.

Guidare gli addetti ai lavori verso investimenti oculati che diano alto valore aggiunto è un plus che in pochi sanno fare. E quei pochi oggi fanno la vera differenza in un mercato dove è sempre più complesso muoversi in modo intelligente.

Chi non capisce che questa è l’unica strada percorribile per rimanere sul mercato fa un grande errore strategico.

Costantino Radis

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here