Le associazioni come Arproma possono essere un riferimento?

Arproma
Il Concorso per il Design delle Macchine Agricole è stata un'ottima occasione di contatto fra aziende e studenti

Arproma è un’associazione di costruttori di macchine agricole che conta oggi oltre 50 associati. Ne fanno parte aziende di piccola e media dimensione con alcune grandi eccezioni come Merlo, Capello e Olimac. La partecipazione di questi importanti brand, però, conferma il valore aggiunto di un’unione di intenti che nasce per risolvere le problematiche comuni di chi lavora e produce in Italia.

La soluzione delle problematiche comuni, l’aiuto nella promozione dei prodotti, delle aziende, delle innovazioni sono infatti elementi fondamentale che l’associazione, in generale, si pone come obiettivo.

Ma la domanda che tutti ci poniamo di fronte a qualsiasi associazione, Arproma compresa, è sempre la stessa: la sua azione è positiva? La sua azione porta dei risultati?

La prima cosa che gli associati dovrebbero sempre comprendere è che, prima di tutto, l’Associazione è composta da tutti loro.

Il buon funzionamento dipende dal loro interessamento e dalle loro idee. Chi si iscrive a un’associazione come Arproma è, prima di tutto, imprenditore. Un buon imprenditore sa molto bene che le persone sono il primo valore di un’azienda. E quindi il primo valore di un’associazione.

Un’associazione come Arproma può essere quindi un vero punto di riferimento per i suoi associati? Assolutamente sì!

Anche perché si fa promotrice di una manifestazione di settore che sta diventando sempre più importante come la Fiera della Meccanizzazione Agricola di Savigliano che è appena giunta alla sua 38° edizione.

Ma non solo. L’appoggio agli associati, che deriva da una forte impostazione operativa ereditata da Confartigianato, è molto concreto con una “guida” che li accompagna verso opportunità di ogni genere.

La collaborazione fra Arproma e realtà professionali localizzate in provincia di Cuneo ha portato interessanti risultati come, ad esempio, la collaborazione per il concorso “Il design per le macchine agricole”.

Un concorso che ha visto la partecipazione di numerose aziende in collaborazione con Agenform, CEMI – Centro Europeo Modellismo Industriale di Savigliano.

Un’ottima occasione che ha permesso di far esercitare in modo attivo e proattivo gli studenti del CEMI con proposte funzionali e apprezzate.

Un’opportunità di ottimo livello che permette anche agli associati di accedere a servizi di progettazione di alto profilo. Tutto questo è compito di un’associazione come Arproma.

Costantino Radis

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here