Allevamento e filiera della qualità: la tecnologia è fondamentale!

La filiera della qualità nell’allevamento è la strada fondamentale per competere in un mercato di fascia alta che consenta margini e crescita.

Un percorso sicuramente non facile ma che è in grado di “regalare” soddisfazioni di grande portata. Ovviamente la tecnologia aiuta a seguire comodamente questo percorso agevolando il riconoscimento e la successiva certificazione di tutta la filiera.

Il processo della fienagione era, fino a poco tempo fa, uno dei più complessi da certificare per la estrema difficoltà a localizzare i balloni e, una volta fatto, a individuarne le caratteristiche.

Con l’uso della tecnologia CAN-BUS si è riusciti a interagire in modo estremamente dinamico e proattivo con le macchine agricole potendo raccogliere dati impensabili fino a ieri.

Sull’onda di questa specifica esigenza andando incontro a un mercato sempre più orientato verso la qualità, Fendt ha sviluppato Intelligent Hay.

Si tratta di un sistema integrato per la raccolta e l’elaborazione delle informazioni su ogni singola balla quadra. Durante il processo di pressatura, sono registrati i dati specifici sulla qualità della balla, la sua posizione GPS, la sua umidità, gli strati per balla e informazioni sull’aggiunta di additivi e le dimensioni della balla.

In ogni balla viene utilizzato, durante la pressatura con il terzo o quarto spago, uno spago speciale resistente alla temperatura e agli agenti atmosferici con un chip RFID. I chip sono inseriti nello spago in modo che in ogni balla fino a 2,40 m di lunghezza possa essere presente un chip. Se la balla è più grande possono esserci anche due chip.

Il chip RFID assegna ad ogni balla un numero di codice a cui sono associati i dati qualitativi e quantitativi della balla che sono a loro volta salvati in un cloud.

A seconda delle loro caratteristiche, tracciate e indicate dai specifici dati, le balle possono essere immagazzinate e messe in commercio secondo la loro qualità.

Il chip RFID viene scansionato per leggere i dati di ogni singola balla e i dati corrispondenti si visualizzano con l’app BaleLink tramite smartphone, PC o tablet. Si possono abilitare all’accesso ai dati anche ai concessionari o altri agricoltori, rendendo così trasparente la qualità delle balle per la vendita.

Tutto il processo e la memorizzazione dei dati sono soggetti alle severe direttive del Regolamento generale europeo sulla protezione dei dati.

Si tratta di un ulteriore importante passo avanti che la tecnologia fa compiere agli agricoltori per posizionarsi in un mercato dove la certificazione di qualità è fondamentale per riuscire a crescere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here